Questo sito utilizza i cookies per garantirti una navigazione ottimale. I cookies sono necessari per usufruire di tutti i servizi offerti e a fini statistici. Proseguendo con la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni e/o per modificare le impostazioni di utilizzo dei cookies, clicca su Cookies policy

Il Mercato

Il Mercato

Dal 1° gennaio 2011 è in vigore la direttiva europea per la liberalizzazione dei servizi postali. Già dal 1997 il legislatore europeo ha cominciato a delineare un graduale percorso di completa apertura del mercato, a beneficio della concorrenza e della tutela dei consumatori.

La completa liberalizzazione del mercato comporta in linea generale una spinta concorrenziale con effetto ultimo sui consumatori, in termini di riduzione dei prezzi, e sulle imprese, in termini di ricerca di maggior efficienza per competere sul mercato.

Finisce così il monopolio assoluto di Poste Italiane, apportando cambiamenti importanti e sostanziali. Nuove aziende sono entrate a far parte di un mercato giovane, liberalizzato e pronto alla rivoluzione tecnologica. L'avanzata delle poste private si fa sempre più temibile e competitiva. Anche per i consumatori la situazione sembra essere cambiata: oggi spedire una raccomandata con un privato conviene.

Oggi gli uffici postali privati hanno guadagnato fiducia, soprattutto tra le imprese che preferiscono evitare di ingabbiarsi nelle tipiche tempistiche della “cosa pubblica”.

La snellezza, la velocità e la tecnologia sono i punti di forza di piccole e medie realtà postali, e quando alcuni clienti hanno esigenze delicate e specifiche si rivolgono a loro.

Banche o posta? Mentre le Poste Italiane si sono trasformate e rinnovate, a causa della crisi profonda della raccomandata, o meglio della missiva cartacea, per contrastare l’alto e soffocante flusso di mail, la vecchia e adorata Posta ha iniziato ad occuparsi di credito. Non hanno però perso tempo neanche in questo settore i piccoli privati, che infatti stanno guadagnato terreno.

Il mercato postale privato è dunque colmo di belle speranze, soprattutto sfacciatamente intraprendente e pronto ad evolversi di giorno in giorno. I pacchi postali sono tra le grandi ambizioni, ovvero offrire un servizio capace di supportare, ad esempio, le tante e-commerce che nascono giorno dopo giorno. Poste Italiane è in difficoltà su questo versante anche perché oramai le aziende preferiscono i servizi privati per garantirsi un lavoro meglio organizzato ed efficiente.

E mentre il 12% dei ricavi di Poste Italiane si è volatilizzato, ecco che adesso sappiamo dov’è finito, calato all’interno dell’immenso mare dei piccoli postini e della loro grande rivoluzione postale.

Vuoi ricevere maggiori informazioni? Contattaci

Assistenza

Vuoi ricevere maggiori informazioni?

Vuoi aprire un'agenzia SiPosta? Contattaci Contattaci

Franchising

Vuoi aprire un'agenzia SiPosta?